Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

TESTIMONI E ANNUNCIATORI AUTENTICI

aprile 03, 2012 − by settimanadellacomunicazione − in Tracce di preghiera − No Comments

Canto introduttivo.

Saluto della Guida.

In ascolto del magistero

1L: In questa 45a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali siamo invitati a interrogarci sulle modalità di evangelizzazione più consone all’era digitale. A prescindere dall’evoluzione degli strumenti tecnologici, resta vero il fatto che qualunque mezzo di comunicazione amplifica le caratteristiche individuali del suo utente, prima ancora che i contenuti del suo messaggio. L’autenticità di vita resta pertanto fondamentale anche nel mondo del web; anzi, proprio perché in esso la falsificazione è continuamente possibile, vivere con autenticità aggiunge ulteriore forza alla propria testimonianza.

Lettura di Evangelii nuntiandi, nn. 21-22

In ascolto della Parola 

2L: La Buona Novella annunciataci da Gesù non è un insieme di massime o una filosofia, ma è l’insieme stesso della sua vita: i gesti efficaci di Gesù, i suoi incontri, le sue decisioni, le sue gioie e le sue sofferenze, la sua preghiera e la sua tentazione, la sua fatica e la sua condivisione, i suoi discorsi e i suoi silenzi, il suo camminare e il suo stare fermo, il suo stare in compagnia e il suo ritirarsi in solitudine. Il mezzo di comunicazione che Dio ha scelto per rivelarsi all’uomo è la sua stessa umanità, vissuta pienamente e autenticamente in ogni istante. Dire che “la verità è Cristo” (cfr. Messaggio di Benedetto XVI, pagina –) non significa affermare il trionfo di una religione sopra tutte le altre, quanto piuttosto che la vita umana come vissuta da Gesù rappresenta la più profonda possibilità di realizzazione. “Autenticità” significa tensione alla verità manifestata nella sua vita. “Autenticità” significa desiderare che il nostro vivere divenga un vetro trasparente che si lascia attraversare dalla luce della libertà divina. Anche se ora ne abbiamo un’esperienza contraddittoria, parziale e incompleta, è questa la speranza che testimoniamo nell’annuncio cristiano.

Lettura di 1Cor 15,1-11

1L: Pregare significa prima di tutto essere sinceri. Il Libro dei Salmi che Gesù ha pregato per tutta la sua vita ci mostra uomini che vivono le situazioni più diverse, ma che vogliono viverle sempre autenticamente davanti a Dio, senza mai nascondersi al riparo dal suo sguardo di misericordia. Rispondiamo alla Parola con il Salmo 118,26-33.89-90

Ti ho manifestato le mie vie e mi hai risposto;

insegnami i tuoi voleri.

Fammi conoscere la via dei tuoi precetti

e mediterò i tuoi prodigi.

Io piango nella tristezza;

sollevami secondo la tua promessa.

Tieni lontana da me la via della menzogna,

fammi dono della tua legge.

Ho scelto la via della giustizia,

mi sono proposto i tuoi giudizi.

Ho aderito ai tuoi insegnamenti, Signore,

che io non resti confuso.

Corro per la via dei tuoi comandamenti,

perché hai dilatato il mio cuore.

Indicami, Signore, la via dei tuoi decreti

e la seguirò sino alla fine.

La tua parola, Signore,

è stabile come il cielo.

La tua fedeltà dura per ogni generazione;

hai fondato la terra ed essa è salda.

2L: Dopo la sua morte e risurrezione la presenza di Gesù non diventa qualcosa di “virtuale”: al contrario, egli ci invita a guardarlo e a toccarlo, si siede alla mensa di ogni giorno con noi, ricambia il nostro povero cibo continuando a spiegarci una Parola che amplia le nostre vite.

Anche nel mondo digitale ci relazioniamo con persone di carne e sangue che – pure dietro uno schermo – ricercano e desiderano una testimonianza di autenticità e uno “spessore di vita” maggiore. “Vita eterna” significa prima di tutto “novità di vita”, rottura di una consuetudine talora paurosa e mortifera, che vorrebbe soffocare ogni possibilità di cambiamento. Ma Gesù entra anche attraverso le porte sbarrate dei nostri timori e ci invita ad andare fuori, nel mondo più vasto, e in tutti i continenti. Compreso quello digitale.

Lettura di Lc 24,36-53

Preghiere di intercessione

Padre Nostro

Canto conclusivo