Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Volontariato 2.0, social web interattivo

luglio 21, 2012 − by settimanadellacomunicazione − in Avviso ai naviganti − No Comments

Era inevitabile. Prima o poi, il Terzo Settore italiano sarebbe entrato con maggiore decisione nel mondo delle nuove tecniche di comunicazione. Era soltanto questione di tempo. Ormai la stragrande maggioranza degli enti e delle associazioni di volontariato inviano tramite e-mail una newsletter attraverso la quale comunicare le proprie attività e promuovere eventi; eppure ciò non soddisfa appieno l’esigenza di una comunicazione sempre più tempestiva e puntuale, né tanto meno permette la creazione di una rete capillare di relazioni e contatti interni ed esterni al Terzo Settore stesso. Anzi, la difficoltà di comunicazione era avvertita sempre più distintamente come uno dei punti critici più dolenti: inaugurare un canale di comunicazione aperto anche e soprattutto verso l’esterno –verso chi non appartiene al settore e non è a conoscenza di attività e servizi offerti dall’associazionismo – era percepito in modo diffuso come una necessità improrogabile.

Quale strumento migliore, quindi, di un social network interamente dedicato al Terzo Settore? È la parola stessa a indicarlo: una “rete sociale” interattiva, grazie alla quale divulgare e condividere esperienze e informazioni utili non solo in una dimensione locale o tra reti di contatto preesistenti e già consolidate, ma anche su scala nazionale, per stimolare la nascita e la crescita di nuovi collaborazioni e per giungere, in definitiva, a una mappatura aggiornata in tempo reale delle richieste e dei bisogni di territori e utenti. A tutte queste esigenze ha risposto Terzo Settore Social Network, con l’iniziativa “Creiamo la Rete” promossa da Art.e.D.O. – Polo mediterraneo delle arti terapie e delle discipline olistiche, un’associazione di Musicoterapia, Arteterapia plastico-pittorica, Dramma-teatro terapia e Danza-movimento terapia, già Polo mediterraneo di  musicoterapia: agli aderenti al progetto, inoltre, saranno offerti gratuitamente una serie di servizi in collaborazione con i portali collegati a Mappa Terzo Settore, patrocinati da importanti pubbliche amministrazioni.

Alcuni esempi? Oltre alla visibilità sul sito con la descrizione di ogni partner e la pubblicazione di attività ed eventi, l’accesso a tutte le condizioni privilegiate delle convenzioni stipulate da Art.e.D.O. con enti pubblici e privati, accesso privilegiato alla procedura per il riconoscimento del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per lo svolgimento di corsi di formazione, utilizzo del canale televisivo Ustream accessibile dal sito www.artedo.it per la realizzazione di programmi televisivi in diretta, che saranno irradiati nella homepage dello stesso Terzo Settore Social Network, nonché la pubblicazione di video nella Web Tv di Mappaterzosettore (www.mappaterzosettore.it/webtv) e, infine, accesso immediato ai programmi di affiliazione per i portali Web (siti, forum e blog), realizzati da www.circolovirtuoso.net. Il volontariato italiano è quindi definitivamente entrato in una nuova era della comunicazione, e Terzo Settore Social Network potrà essere la sua nuova piattaforma. La rincorsa è stata lunga. Ora non resta che spiccare il volo.

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.artedo.it 

Francesco Rosati
20/07/2012