Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Stati Uniti. Aumenta l’uso dei social media tra i cattolici

novembre 15, 2012 − by settimanadellacomunicazione − in Comunicazione − No Comments

Il Center for Applied Research in the Apostolate (CARA), ovvero il Centro per la Ricerca Applicata all’Apostolato della Georgetown University negli Stati Uniti, ha presentato uno studio sull’uso dei social network ed evangelizzazione, intitolato “L’uso cattolico dei New Media negli Stati Uniti, 2012″.

Oltre mille persone, dichiaratesi cattoliche, sono state intervistate per questo rapporto, che ha permesso di fotografare l’interesse che i fedeli hanno per il mondo del web e in particolare dei social network. Lo studio, pubblicato dal Dipartimento delle Comunicazioni della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti (USCCB), ha fatto emergere come il 62% degli adulti cattolici degli Stati Uniti, circa 36,2 milioni di persone, ha un profilo su Facebook, mentre il 58% dei cattolici di età inferiore ai 30 anni, almeno una volta alla settimana, condivide sui social media contenuti di diversa natura. Inoltre interessante notare come quasi un terzo di tutti gli intervistati ha dichiarato che vorrebbe che i loro pastori e Vescovi curassero dei blog.

Questo rapporto, inviato dalla USCCB all’Agenzia Fides, “suggerisce molte opportunità alla Chiesa di impegnarsi con chi vive nel continente digitale, come Papa Benedetto XVI descrive questa nuova cultura della comunicazione” ha affermato Mons. John Wester, vescovo di Salt Lake City, e Presidente della Commissione per le comunicazioni della USCCB.

Il 24% degli interpellati ha indicato che la Chiesa è “abbastanza” o “molto” visibile, per il 23% invece è “solo un po’” o “non molto” visibile, mentre per il 53% era a conoscenza di una sua presenza significativa. Interessante notare come per gli adulti cattolici, ovvero 5,3 milioni di individui, visitino regolarmente il sito web della propria parrocchia.

“Possiamo avvicinarli, come missionari” – ha ribadito S.E. mons. Wester – “essendo desiderosi di trovare Dio già presente fra gli abitanti di questo mondo e coinvolgerli, soprattutto i giovani, in un dialogo significativo sulla morale e sui valori in questa nuova piazza pubblica.”

L’80% dei partecipanti al sondaggio ha risposto in inglese, mentre il 16 % in spagnolo.