Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Con l’account @pontifex Benedetto XVI sbarca su Twitter

dicembre 03, 2012 − by settimanadellacomunicazione − in News − No Comments

Benedetto XVI invierà il suo primo tweet il prossimo 12 dicembre, in occasione della consueta udienza del mercoledì.

Lo farà attraverso l’account @pontifex , attivo in inglese e @pontifex_it, per l’italiano. Inizialmente gli account saranno attivi in ben 8 lingue: inglese, spagnolo, italiano, portoghese, tedesco, polacco, arabo e francese.

 “Twitter, ha oltre 500 milioni di iscritti e di essi oltre 140 milioni sono attivi”, ha spiegato questa mattina in Vaticano, in un’affollata conferenza stampa mons. Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali, spiegando il perché di questa nuova iniziativa da parte del Santo Padre. “Di loro oltre il 40% è composto da giovani. Il desiderio del Papa è di entrare in contatto con gli uomini e le donne del nostro tempo, dovunque essi si trovino e con qualunque mezzo sia possibile”.

Un evento che nei giorni scorsi, ha destato sorprese nei giornalisti di tutto il mondo

 “Twitter si presta, per la sua natura di mezzo rapido e di forte divulgazione”- ha aggiunto mons. Celli – “a diffondere le ‘scintille di verità’ e le ‘perle di saggezza’ che il Papa vorrà scrivere”.

Presenti alla conferenza stampa anche Greg Burke, giornalista statunitense, incaricato quale “media adviser” della Segreteria di Stato, che ha ribadito l’importanza per la Chiesa debba esserci con qualunque “medium”, efficace per diffondere il suo messaggio.

“Sarebbe sorprendente se il Papa non fosse su Twitter”, ha aggiunto Burke, precisando come “i primi tweet saranno tratti dai discorsi e testi ufficiali delle udienze, incontri, omelie”.

Mentre la conferenza è stata anche l’occasione per ricordare la presenza della Chiesa sui nuovi mezzi di comunicazione di massa, quale non solo website, come news.va e vatican.va, ma anche youtube e in futuro varerà gli e-book, le “Pope app” per iPhone e Android