Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Fare rete nella rete

aprile 15, 2013 − by settimanadellacomunicazione − in Comunicazione − No Comments

Carta e web: l’uno non esclude l’altro, anzi il futuro è nell’integrarsi puntando alla qualificazione dei contenuti, adesione al territorio, fare rete nella rete. Questa, in estrema sintesi, la fotografia che esce dal convegno nazionale della Fisc, Federazione italiana settimanali cattolici, svoltasi a Chioggia e Sottomarina dall’11 al 13 aprile, sul tema “Informazione in rete: web e carta stampata”. Circa 150 giornalisti in rappresentanza di 186 testate aderenti alla federazione si sono ritrovati per ragionare sul proprio modo di fare informazione e su come approcciarsi alle nuove tecnologie, considerando la contingenza della crisi dell’editoria.

L’occasione di guardare al futuro è stato il festeggiamento di un centenario, quello della Scintilla-Nuova Scintilla, settimanale diocesano di Chioggia. Storia e tradizione si incrociano con le novità e le tecnologie per guardare avanti, con coraggio, senza timori, ma con la consapevolezza che il web, la rete, internet o come si voglia definire questo “luogo virtuale”, è un ambiente che ormai fa parte della nostra vita e delle nostre relazioni. Stop a inutili dualismi manichei. La rete va conosciuta e abitata, non contamina le relazioni personali, ma le può moltiplicare e valorizzare. Certo di mezzo ci stanno sempre la responsabilità della persona e quella “saggezza digitale” indicata da mons. Claudio Giuliodori, come forma adatta di approcciarsi e utilizzare le tecnologie. Stare nella rete, quindi, ma anche fare rete, senza rinunciare al patrimonio di contenuti, tradizione, specifico che proviene dalla carta stampata. L’obiettivo non è scegliere fra carta e web, ma creare reti e sinergie tra i due, adattare i contenuti a diverse forme comunicative. La rete allarga, moltiplica, fa interagire i linguaggi (testo, foto, video) e intercetta lettori diversi. Consapevoli che un’attenzione è vincente per il mondo dell’informazione diocesana: quella al territorio inteso come interesse, informazione, conoscenza, adesione al locale, il vicino alla gente, che qualsiasi allargamento di orizzonti, non diminuisce di interesse.

Sara Melchiori