Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Presentata al 10 Capitolo Generale delle FSP la Settimana della Comunicazione

settembre 06, 2013 − by settimanadellacomunicazione − in Comunicazione − No Comments

Nel corso del 10 Capitolo Generale delle Figlie di san Paolo (Ariccia RM 15 agosto – 15 settembre 2013), Sr. Dolores Melis, Superiora Provinciale della Provincia Italia-Svizzera delle Paoline, ha dedicato il suo intervento alla Settimana della Comunicazione, l’evento ecclesiale promosso dalle Figlie di San Paolo con la Società San Paolo.

Introduzione

Fra le tante Giornate celebrate nelle comunità ecclesiali, l’unica stabilita dal Concilio Vaticano II (Inter Mirifica, 1963) è la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali (GMCS). Tale Giornata dovrebbe essere il momento privilegiato in cui la comunità cristiana si ferma a riflettere sulla tematica annuale e, alla sua luce, rinnova i propri itinerari pastorali. Di fatto, però, rischia di essere un’occasione mancata e di scivolare via senza entrare efficacemente nella coscienza ecclesiale. Per darle importanza e incisività, insieme alla Società San Paolo da 8 anni realizziamo la Settimana della Comunicazione, ovvero una formula di animazione pastorale e culturale, a partire dal tema del Messaggio annuale del Papa per la GMCS.

La Settimana della Comunicazione, nata come espressione apostolica del carisma paolino, si sta sempre più consolidando tanto da essere ormai una vera esperienza di evangelizzazione.

In questi anni è diventata un evento ecclesiale e culturale che coinvolge tutte le realtà paoline presenti nel territorio nazionale: comunità, librerie, settori apostolici editoriali e diffusivi, sia come iniziative concrete, sia come preghiera. Inoltre, sta svolgendo un ruolo di aggregazione di tante realtà ecclesiali e culturali; alcune di esse sono diventate partner e danno il loro sostegno a livello locale e nazionale.

Gli obiettivi

Il primo obiettivo della Settimana della Comunicazione è rafforzare nell’opinione pubblica la convinzione dell’importanza di una Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, nella quale prendere consapevolezza dell’incidenza di «media antichi e nuovi» sulla vita sociale, familiare e individuale.

Il secondo obiettivo è proporre nuovi percorsi pastorali alla comunità cristiana, affinché sia creatrice d’incontro e di dialogo con i nostri contemporanei. Per questo, nella realizzazione delle iniziative, si cerca di suscitare la collaborazione degli operatori pastorali: responsabili degli Uffici diocesani delle Comunicazioni sociali, animatori della cultura e della comunicazione, insegnanti, catechisti, ecc.

Il terzo e più ampio obiettivo è realizzare una campagna di sensibilizzazione e una formazione all’approccio critico e consapevole nei confronti del mondo della comunicazione massmediale e digitale, prestando la dovuta attenzione al primato della comunicazione interpersonale. In questo senso la Settimana della Comunicazione si rivolge al grande pubblico, focalizzando la riflessione sul tema indicato annualmente dal Santo Padre.

Organizzazione

Gli enti promotori della Settimana della Comunicazione sono la Società San Paolo/Provincia italiana e le Figlie di San Paolo/Provincia italiana, nelle persone dei rispettivi Superiori Provinciali con i loro Consigli.

Per l’attuazione concreta della Settimana della Comunicazione essi affidano a due referenti loro delegati, FSP e SSP, il compito di rappresentarli presso le diocesi e gli uffici CEI competenti, gli enti patrocinatori, i partner delle iniziative, e di coordinare le varie attività necessarie.

La Commissione preparatoria, composta da 5 FSP e 5 SSP, provvede all’elaborazione del pacchetto di proposte, iniziative e sussidi della Settimana a livello nazionale. Si incontra ordinariamente tre volte all’anno: all’inizio dell’anno sociale per riflettere sul tema proposto dal Papa per la GMCS e preparare il progetto di animazione; alla fine di gennaio, dopo la divulgazione del Messaggio per la Giornata; alla fine dell’anno sociale per la verifica dell’edizione appena conclusa e la programmazione di quella successiva.

I due Governi provinciali stabiliscono annualmente un fondo per la Settimana della Comunicazione; i due referenti si impegnano nella ricerca di sponsor o di altre forme di sostegno economico all’iniziativa. Tutte le spese vengono suddivise a metà tra i due Istituti.

Le attività della Settimana della Comunicazione

Pur lasciando libero corso alla creatività di ogni Libreria, la Commissione preparatoria, all’inizio dell’anno sociale, elabora un Progetto di animazione che comprende alcune iniziative e sussidi a livello nazionale e alcuni suggerimenti per la realizzazione di iniziative a livello locale.

Iniziative a livello locale. L’animazione della Settimana della Comunicazione, che attualmente coinvolge circa 50 città italiane, avviene essenzialmente attraverso proposte pastorali e culturali, realizzate sul territorio, come:

· Incontri, Convegni e Tavole rotonde sul tema dell’anno.

· Iniziative per gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado.

· Presentazione di libri, incontri con l’autore.

· Cineforum.

· Musical e Spettacoli.

· Programmi radio-televisivi.

· Momenti celebrativi.

Una caratteristica delle varie edizioni è sicuramente la crescente attenzione al mondo dei ragazzi e della scuola, attraverso gli Happy book in libreria. Negli ultimi anni sono diventati un appuntamento fisso in molte città italiane e si stanno caratterizzando sempre più non solo come contatto con la libreria per conoscere il mondo del libro, ma anche come vivace esperienza nel grande mondo della comunicazione. Sono infatti organizzate anche: cacce al tesoro, gare a squadre tra classi o tra scuole, Bibbia-quiz, laboratori sui mestieri del libro, percorsi didattici, animazioni con clown, e concorsi.

L’attenzione al mondo della scuola in alcune realtà ha portato a dar vita ad iniziative durante tutto l’anno. Una delle più significative è la proposta della Libreria Paoline di Ferrara, che per il 5° anno consecutivo ha organizzato per le scuole superiori del territorio il concorso Non ci resta che leggere, un progetto che ha come obiettivo quello di promuovere il piacere della lettura, nel confronto e nell’amicizia con altri giovani lettori. L’iniziativa, che gode del patrocinio del Comune di Ferrara, è un gioco a squadre che si sfidano sullo stesso libro e che ha visto la partecipazione nel 2013 di 16 classi di due licei della città. In uno dei due licei, l’iniziativa è diventata parte del programma del Dipartimento di Lettere. Nel 2013 le classi sono state 32 con la partecipazione di 1200 studenti.

Le iniziative realizzate dalle FSP nella Settimana della Comunicazione del 2013 sono state più di 100.

Iniziative e sussidi a livello nazionale. Ogni anno la Commissione preparatoria organizza:

· Festival della Comunicazione.

· Numero speciale dell’opuscolo Pagine Aperte dedicato ad approfondimenti del tema della GMCS, con una tiratura di 70.000-80.000 copie ogni anno. È un sussidio molto apprezzato da tutti.

· Materiale promozionale (es. volantini, poster, locandine, ecc) ed eventuali omaggi (libri, mini-media…).

· Immagine unitaria, che rappresenta il tema della GMCS dell’anno e viene riprodotta su tutti i materiali della Settimana della Comunicazione.

· Sito della Settimana della Comunicazione e presenza nei social network: Facebook, Twitter e YouTube.

Nel 2013 è stato realizzato e inviato a tutte le librerie Paoline e San Paolo un CD-risorse con tre videoclip: due sul tema della 47a GMCS e uno da utilizzare negli Happy book in libreria o negli incontri nelle scuole primarie, dal titolo Alla scoperta del libro.

Tra le iniziative meritano una breve esposizione il Festival della Comunicazione e il sito della Settimana.

Il Festival della comunicazione è un evento itinerante, promosso in stretta collaborazione con una diocesi, individuata di anno in anno. In accordo con il vescovo e attraverso gli Uffici della comunicazione della diocesi prescelta, si promuovono iniziative sul territorio per “celebrare” il sempre più complesso mondo del comunicare e per aiutare le persone a non vivere da spaesate dentro questa realtà. Le diocesi, dove si sono svolte le edizioni del Festival, sono state: Salerno, Bari, Brescia, Alba, Caserta, Padova, Caltanissetta, Avezzano.

In ogni edizione del Festival, la programmazione degli eventi è attenta alle 5 Vie del comunicare: la Via della conoscenza, che declina il rapporto tra la pluralità dei saperi e la comunicazione; la Via della bellezza, che si manifesta attraverso il mondo dell’arte; la Via dei linguaggi, che approfondisce le varie sfaccettature antropologiche, tecnologiche e sociali dei media; la Via della solidarietà, che esplora le forme di relazione e condivisione comunicate attraverso il volontariato; la Via dell’aggregazione, che si propone come la festa di comunione, quale frutto naturale di una comunicazione profonda e autentica.

Il Festival della comunicazione 2013 si è svolto ad Avezzano, nella Marsica (Abruzzo). Dal 5 al 12 maggio, ha raggiunto i centri urbani più importanti della diocesi, con concerti, Lectio divina, presentazione di opere librarie e cinematografiche, mostre d’arte, teatro.

Il sito della Settimana della Comunicazione (www.settimanadellacomunicazione.it) non è solo una vetrina della Settimana, ma una fonte di notizie nell’ambito del mondo della comunicazione perché costantemente aggiornato durante tutto l’anno con notizie riguardanti la Comunicazione. Editoria (nostra e altrui), associazionismo, ricerche, studi sui media, relazioni a convegni diventano materiale di approfondimento raccolto nelle voci corrispondenti al tema della Giornata, che per quest’anno erano: comunicazione, evangelizzazione, reti sociali, accanto a sussidi e tracce di preghiera. Le notizie brevi (fiere, libri, eventi, concorsi, borse di studio), invece, rientrano nella rubrica News recenti. Circa un mese prima della data della Settimana, in home page, nella rubrica Prossimi eventi, è riportato il Calendario degli appuntamenti strettamente legati alle iniziative Paoline e San Paolo.

Completano la pagina web le rubriche Glossario, Avviso ai naviganti, Dizionario di scienze e tecniche della comunicazione. Inoltre, in fondo alla nostra pagina web, c’è il link al sito del Festival della Comunicazione (www.festivaldellacomunicazione.org), che ogni anno viene affidato alla diocesi dove si svolge il Festival, per dare spazio alla creatività locale.

Conclusione

La Settimana della comunicazione, oltre ad essere un’esperienza di collaborazione e di condivisione del dono del carisma paolino tra noi FSP e SSP e nella Chiesa per il mondo, è per il contesto culturale e sociale italiano una bella opportunità, che intercetta le sfide più urgenti e propone attività e piste di riflessione e di ricerca a vari livelli, per valorizzare – come anche ci ricorda l’Instrumentum laboris del Sinodo per la nuova evangelizzazione – «le potenzialità di questi mezzi di comunicazione antichi e nuovi», sviluppando «un discernimento attento e condiviso per intuire al meglio le potenzialità che il nuovo spazio sociale offre in vista dell’annuncio del Vangelo» (n. 61).