Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

I SOCIAL NETWORK, IL BRACCIO ARMATO DELLA NONVIOLENZA

ottobre 01, 2013 − by settimanadellacomunicazione − in Reti sociali − No Comments

Da Famigliacristiana.it del 30/09/2013

Una data tutt’altro che casuale: il 2 ottobre, Giornata internazionale della NonViolenza, coincide con la nascita dell’uomo che ha fatto simbolo di questa “battaglia”, il Mahatma Ghandi. Celebrazione voluta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2007 al fine di “divulgare il messaggio della nonviolenza, anche attraverso l’informazione e la consapevolezza pubblica” e riaffermare “la rilevanza internazionale del desiderio di assicurare una cultura di pace, tolleranza, comprensione e nonviolenza”. Insomma, una giornata speciale per dare concretezza alle ultime parole di Ghandi “La noviolenza è la più grande forza a disposizione del genere umano. È più potente della più potente arma di distruzione che il genere umano possa concepire”.

Un appello che ha trovato nella onlus Social Time un megafono perfetto: l’associazione, infatti, si ispira a un’idea di socialità sostenibile, capace di creare un contesto fertile in cui sviluppare collaborazioni e partnership, creare reti formali e informali, nonché sinergie che facilitino l’elaborazione di nuove progettualità e iniziative sociali, culturali, educative e ambientali. In occasione del 2 ottobre, Social Time ha deciso di lanciare un Blogging Day: si tratta di una giornata in cui i navigatori del Web sono chiamati a fare fronte comune per diffondere il messaggio della NonViolenza sotto qualsiasi forma. Partecipare è facile: chi ha un blog scrive un post dedicato, chi cinguetta su Twitter può utilizzare l’hashtag #NonViolenza, chi preferisce Facebook può intervenire e coinvolgere i propri amici facendo della bacheca un aggregatore di persone e pensieri. Ai meno tecnologici non rimane che stampare la locandina e darle visibilità, affiggendola sul luogo di lavoro, in metropolitana o al supermercato.

di Alberto Picci