Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Un attimo di pace: Avvento 2013

dicembre 06, 2013 − by settimanadellacomunicazione − in News − No Comments
Per il tempo di Avvento, la diocesi di Padova propone il progetto UN ATTIMO DI PACE, sollecitato e voluto dal vescovo Antonio, che nel suo messaggio di Avvento rilancia: «Con l’Avvento riprendiamo l’iniziativa “Un attimo di pace”. È una proposta intesa a vivere questo tempo con intensità spirituale e a scoprire il senso bello e profondo della presenza di Cristo».
Un Attimo di Pace è una proposta mista che accanto a occasioni di incontro, visite culturali e artistiche, colloqui personali, concerti, teatro, momenti di preghiera, di silenzio, di contemplazione, utilizza le molte potenzialità offerta dalla rete e dai social network per aprire un contatto e una comunicazione con chi è alla ricerca di una dimensione spirituale personale, in particolare quegli adulti che non sempre sono a loro agio nelle proposte “tradizionali” e sentono l’esigenza di un incontro, di un tempo o di uno spazio di pace.
Ogni giorno del tempo di Avvento saranno disponibili riflessioni in formato testo e in podcast che raggiungeranno quanti si iscrivono attraverso il sito www.unattimodipace.it Le riflessioni sono curate dall’équipe coordinata da Michele Visentin.
Confermate le impostazioni della prima edizione – frammenti giornalieri di meditazione che verteranno in particolare sul tema della fragilità, con riferimento in questa edizione a quella del bimbo che nasce – UN ATTIMO DI PACE Avvento 2013 si arricchisce di alcune sostanziali novità anche dal sapore “internazionale”.
Anzitutto, c’è la possibilità di ricevere via SMS il frammento quotidiano, grazie alla collaborazione con l’Ufficio nazionale Comunicazioni sociali della CEI che ha riconosciuto l’originalità e la validità pastorale del progetto. Al costo una tantum di 3 euro si potrà accedere al servizio per tutto il tempo di Avvento.
Inoltre, una seconda novità riguarda la versione internazionale, in lingua inglese, di Un Attimo di Pace, con il sitoamomentofpeace.org nato dal riscontro di molti contatti provenienti dall’estero durante l’esperienza della Quaresima.
La terza novità è il tema della fragilità collegata al bimbo che nasce e a tutte le fragilità che riguardano l’infanzia vedrà dei collegamenti con due realtà significative: a Betlemme il Caritas Baby Hospital delle suore Elisabettine e la comunità di Beit Jala con la casa famiglia per bambini disabili “Hogar Nino Dios” seguita da don Mario Cornioli e dalle Suore del Verbo incarnato; a New York la comunità cristiana della chiesa di Nostra Signora di Pompei seguita dallo scalabriniano padre Walter Tonelotto.