Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

I Festival e le ragioni del loro successo

febbraio 09, 2014 − by settimanadellacomunicazione − in Comunicazione − No Comments

L’attuale successo che riscuotono i festival organizzati attorno alle più disparate discipline (Letteratura, Filosofia, Economia, Comunicazione, Internet, Mente, Canzone, Cioccolato e altri) è sotto gli occhi di tutti. Guido Guerzoni, ricercatore all’Università Bocconi di Milano, ha trovato sette buone ragioni che spiegano l’interesse culturale che molte persone hanno nei confronti dei festival.

La Settimana della comunicazione, che al suo interno organizza pure il Festival della comunicazione, condivide le ragioni espresse da Guerzoni e in più, sottolinea anche il bisogno che le persone avvertono di ritrovarsi per discutere dei temi della vita che in altre sedi non vengono evidenziati.

Ecco elencate le ragioni del ricercatore della Bocconi.

1.I festival sono il format culturale di maggior successo italiano, che resiste alla crisi garantendo accessibilità, gratuità e aggiornamento.

2. Sono esempi lampanti di produzioni culturali coerenti con i principi di Europa 2020: intelligenti, sostenibili, inclusive.

3. Sono sorti perlopiù in centri di piccole-medie dimensioni, i più colpiti dalla crisi e bisognosi di politiche culturali adatte alle peculiarità italiane.

4. Sono le uniche realtà culturali in cui i giovani under 40 abbiano trovato spazio ideativo, organizzativo, produttivo.

5. Sono realtà che utilizzano, in media, il 60% di risorse private, il 40% di quelle pubbliche, l’% di contributi ministeriali. Una ripartizione che non trova analoghi in altre produzioni culturali.

6. Sono divenuti nella massima parte dei casi imprese/istituzioni che svolgono attività non intermittente ma su base continuativa, creando posti di lavoro.

7. Sono le produzioni culturali con il minor costo assoluto se rapportate al tempo in cui riescono a trattenere lo spettatore.

di Cristina Beffa