Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Il grano e la pula della comunicazione

settembre 01, 2014 − by settimanadellacomunicazione − in News − Commenti disabilitati

Il decreto conciliare sugli strumenti di comunicazione sociale viene di solito letto come l’apertura della Chiesa ai mass media. Eppure quel documento non ebbe vita facile: fu il testo con il maggior numero di voti contrari e soprattutto trovò numerose resistenze a livello pratico. Ciò nonostante è indubbio che la forza rinnovatrice del Concilio confermò le intuizioni pionieristiche di alcuni profeti anche nel campo della comunicazione al servizio del Vangelo come il beato Giacomo Alberione che già nel 1914, cento anni fa, diede inizio alla Famiglia paolina e a una serie di strumenti di comunicazione in campo cattolico come Famiglia Cristiana.

Ed è il direttore di questo settimanale l’autore di  Il grano e la pula. I valori nell’informazione  (Antonio Sciortino, San Paolo),  un agile libretto che aiuta a fare chiarezza sulla comunicazione, sui suoi pregi e difetti, sulla necessità di un’etica per chi vi opera, sulle prospettive aperte dall’avvento di Internet e dei social network e sugli effetti positivi che una corretta informazione apporta a livello sociale, politico e religioso.

Partendo dalla più che decennale esperienza mediatica e dall’attualità, don Sciortino evidenzia i rischi di un’informazione asservita al potere anziché al servizio della verità, così come fa presente la necessità di un uso critico da parte dei consumatori.

Sull’esempio e sulla testimonianza di papa Francesco, il direttore di Famiglia Cristiana invita i cattolici a un impegno positivo ed eticamente valido nei mass media, anziché trincerarsi in sterili lamentele, coscienti che come cristiani possiamo offrire contenuti e metodi che aiutano la crescita umana e spirituale della società anziché depauperarla.

Giusto Truglia