Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

“Cronisti dell’invisibile”,  il libro di Maffeis

maggio 25, 2015 − by settimanadellacomunicazione − in News − Commenti disabilitati

Come si può coniugare un’attività antica come il giornalismo – che oggi deve fare i conti con rapidissimi cambiamenti che non distinguono più tra carta stampata, radio, TV, web – con il raccontare fatti religiosi? Esistono competenze specifiche richieste a quanti parlano di Chiesa e cristianesimo?  Don Ivan Maffeis, direttore dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali della Cei,  un dottorato in Scienze della Comunicazione sociale presso l’Università Pontificia Salesiana e fino al 2009 parroco e direttore del settimanale diocesano Vita Trentina, affronta il tema con l’aiuto di 15 professionisti della comunicazione religiosa e ne confeziona una pubblicazione dal titolo accattivante Cronisti dell’invisibile (Ancora). Un libro di interviste dove le firme dell’informazione religiosa  raccontano la loro esperienza fatta di traguardi e incertezze, talvolta di stanchezza e di difficoltà per  non adeguarsi agli opposti schieramenti.

L’elenco degli intervistati è presto fatto: Lucio Brunelli (TV 2000 e RadioinBlu), Marina Corradi (Avvenire), Domenico Delle Foglie (Sir), Massimo Franco (Corriere della Sera), Franca Giansoldati (Il Messaggero), Ferdinando Giuliano (Financial Times), Irene Hernández Velasco (El Mundo), Federico Lombardi (Sala stampa Vaticana), Raffaele Luise (UCSI), Stefano Maria Paci (SkyTG24), Paolo Rodari (La Repubblica), Andrea Tornielli (La Stampa-Vatican Insider), Aldo Maria Valli (Tg1 Rai), Giovanni Maria Vian (L’Osservatore Romano), Dario Edoardo Viganò (Centro televisivo Vaticano).

Dai loro colloqui Maffeis traccia figure  umane e cristiane diversificate, ma accomunate dalla passione dello “scrivere” per restituire voce a ciò che è stato, aprire la propria porta al mondo che si racconta.