Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Quanto è grande l’ambiente

agosto 25, 2015 − by settimanadellacomunicazione − in Avviso ai naviganti − Commenti disabilitati

Le categorie “Nativi digitali” ed “Immigrati digitali” di Mark Prensky, costituiscono due espressioni che cercano di inquadrare il posizionamento delle generazioni nuove e vecchie rispetto al fenomeno digitale. Tuttavia ciò che più mi aveva colpito era il concetto di discontinuità, poiché il vero nodo che ci troviamo ad affrontare rispetto alle nuove tecnologie si nasconde proprio in questa parola.

Si tratta di capire, infatti, se ciò che avviene nel rapporto delle giovani generazioni con l’universo digitale sia da mettere in continuità con quanto sperimentato sino a una ventina di anni fa, quando da una generazione all’altra si verificavano cambiamenti che rientravano in un logico spostamento in avanti, descrivendo un movimento graduale e in visibile continuità col passato recente. Mark Prensky, e non è il solo, ritiene che nell’era digitale tale legame si sia spezzato. Come tutte le affermazioni che partono da un ragionamento e non da verifica sperimentale, anche quelle dello scrittore americano possono essere più o meno condivise, quindi, piuttosto che entrare nel merito delle stesse, cerco di aggiungere un tassello, lasciando a ciascuno la possibilità di decidere la propria collocazione rispetto al pensiero dello studioso d’oltreoceano.

Lo stile di vita si forma molto precocemente e poi tende alla continuità. Questo significa che i bambini, oramai molto esposti agli oggetti informatici, modellano la loro personalità con il contributo dei medesimi e questa influenza entrerà nel loro DNA psicologico. Ma l’elemento che mi spinge a riflettere con attenzione sulle affermazioni di Prensky riguarda gli ingredienti costituitivi dello stile di vita, che sono più o meno riconducibile a tre. La costituzione ereditaria, la visione soggettiva e l’ambiente. In genere quest’ultima componente recita la parte del leone, così mi è parso di verificare nel corso del mio lavoro. L’ambiente, considerato come lo abbiamo considerato finora, era però costituito in larga parte da oggetti ed esseri materiali, si poteva “toccare” coi sensi, quasi sempre, quindi esso era in qualche modo circoscrivibile. Oggi il digitale modifica radicalmente questo impianto rendendo pressoché infinito l’ambiente, ossia l’ingrediente maggiormente indiziato di influenzare lo stile di vita dell’individuo. Se fino a ieri l’architetto che edificava lo stile di vita poteva pescare dalla scatola “ambiente” un numero circoscritto di oggetti ed esseri viventi, quindi di pezzi da montaggio, adesso non è soggetto ad alcun limite. Questo influenza di fatto anche un altro degli ingredienti costitutivi, ossia la visione soggettiva, poiché il moltiplicarsi delle possibilità ambientali permette alle impressioni di muoversi come sassi che rotolano sul fondale di un fiume in piena, subendo un continuo effetto levigazione nell’urto con milioni e milioni di altri sassi. Quale effetto avrà questo enorme ampliamento delle possibilità non possiamo dirlo con certezza, di sicuro ne dovremo tenere conto.

(dal blog: https://correrepensando.wordpress.com/, Domenico Barrilà, 17 agosto 2015)