Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Quali errori evitare nella comunicazione della Chiesa

giugno 03, 2016 − by settimanadellacomunicazione − in News − Commenti disabilitati

Sono almeno 5 gli errori da evitare nella comunicazione della Chiesa … e che, soprattutto, bloccano la potenzialità della Parola: «il Vangelo parla di un seme che, una volta seminato, cresce da sé anche quando l’agricoltore dorme (Mc 4,26-29). La Chiesa deve accettare questa libertà inafferrabile della Parola, che è efficace a suo modo, e in forme molto diverse, tali da sfuggire spesso le nostre previsioni e rompere i nostri schemi» (Papa Francesco, Evangelii gaudium n. 22).

1) …convincersi che l’efficacia pastorale scaturisca dall’aggiornamento degli strumenti e dall’acquisto e utilizzo dei migliori dispositivi; che la comunicazione della Chiesa sia una questione esclusivamente strumentale e tecnologica.

2) …ritenere che il successo della comunicazione dipenda da una sorta di gratificazione digitale: dal raggiungimento di 5000 like, dal numero di retweet e condivisioni dei contenuti pubblicati, dalla quantità di visualizzazioni ai nostri post o messaggi condivisi. La Chiesa e il Vangelo non vivono di queste logiche.

3) …fare comunicazione imitando i modelli comunicativi del momento, come quelli dei programmi televisivi, dimenticando che per comunicare il Vangelo e per testimoniare la fede, l’unico modello comunicativo è quello di Gesù, libero da ogni fine economico, manipolatorio e nichilistico.

4) …riuscire a informare puntualmente su tutti gli eventi pastorali senza trasmettere, però, un filo logico che permetta all’altro che ascolta di intuire un significato, un messaggio per la sua vita. Bisogna, pertanto, imparare a raccontare più che informare.

5) …elaborare la comunicazione (istituzionale e pastorale) senza tener conto dello Spirito Santo,  illudendosi, così, di riuscire a comunicare il Vangelo e la Chiesa. La Chiesa vive di Spirito Santo, le parole, quindi, se son prive della Sua presenza non comunicheranno nulla di nuovo.

(Alessandro Palermo, da https://elementidipastoraledigitale.wordpress.com/)