Paoline Chi siamo logo_sp Sostenitori
51a Giornata delle Comunicazioni Sociali
28 maggio 2017
Tema: Comunicare speranza e fiducia
nel nostro tempo

Riflessione sul tema della GMCS

ottobre 21, 2016 − by settimanadellacomunicazione − in Comunicazione − Commenti disabilitati

 

Non temere perché io sono con te (Is 41,10): comunicare fiducia e speranza nel nostro tempo

Il tema scelto da papa Francesco per la 51a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali (28 maggio 2017) è: «Non temere, perché io sono con te» (Is 43,5). Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo. Ispirandosi  al Libro del Profeta Isaia, il tema nasconde in sé un forte invito a trasmettere ottimismo e fiducia, in un tempo caratterizzato dall’amplificazione della paura, dell’incertezza e del sospetto che i  media, e gran parte dell’informazione, coltivano.

“Non temere, perché io sono con te” potrebbe essere tradotto così: Nel mare magnum  della comunicazione, io sono in mezzo a voi, ma non come Uno che vi giudica, bensì come Uno che vi sostiene. Per questo,  non  temete le burrascose vicende umane e le catastrofiche pressioni che vi forniscono i media. Non temete il mondo dell’informazione perché ad esso dovete avvicinarvi con responsabilità e con acume. Non come creduloni imbottiti di buonismo, ma come credenti adulti che hanno gli occhi aperti sulle realtà umane e sociali.

Il tema è semplice solo in apparenza. Infatti, comunicare speranza in un tempo di forti tensioni sociali e sfiducia politica non è facile. Per questo, la Segreteria per la Comunicazione, presentando il tema, spiega in una nota che «anestetizzare la coscienza o farsi prendere dalla disperazione sono due possibili malattie alle quali può condurre l’attuale sistema comunicativo».

Per guarire da queste malattie, la strada maestra è raccontare «la storia del mondo» e le storie delle donne e degli uomini, «secondo la logica della ‘buona notizia’: Dio non rinuncia mai a essere Padre».

E poiché nel nostro tempo l’interconnessione è una costante, possiamo valorizzare i social network  per dire una volta di più che le relazioni interpersonali sono un valore da salvaguardare, anche quando ricorriamo ai social per raggiungere tanti amici.

di Cristina Beffa apparso sul settimanale diocesano Parole di Vita